Le canzoni di Gianni Siviero
(Squilibri, 2019)

Per iniziativa di Sergio Secondiano Sacchi, trentanove artisti rendono omaggio a uno dei più originali cantautori italiani, Gianni Siviero, che in soli tre album, dal 1972 al 1976, ha dato vita a un’inconfondibile produzione poetica e musicale dove si intrecciano mirabilmente impegno civile, introspezione sentimentale e la fatica del vivere quotidiano in una realtà urbana come Milano. Il suo album d’esordio, con gli arrangiamenti di Nicola Piovani, vince il Premio della Critica Discografica ed è molto apprezzato da Amilcare Rambaldi, presidente del Club Tenco, che lo volle alle prime tre edizioni della Rassegna della canzone d’autore. Negli altri due LP si accentuano i motivi di protesta e di denuncia sociale, parallelamente all’intensificarsi di un impegno politico in prima persona, attestato anche dalla collaborazione con Dario Fo e Franca Rame. Il ritiro dalla scena agli inizi degli anni Ottanta pone termine a una carriera per molti versi emblematica di una stagione culturale contrassegnata da un’insopprimibile urgenza di vita. Quarantatré canzoni, molte delle quali inedite, commentate da altrettanti dipinti di Marco Nereo Rotelli e affidate ora alle voci e agli strumenti di alcuni vecchi compagni di strada, come Roberto Vecchioni, Mimmo LocasciulliErnesto Bassignano e Gualtiero Bertelli, e di artisti che, in quegli stessi anni, calcavano altri tipi di palcoscenico, come Gigliola Cinquetti,  Vittorio De Scalzi (New Trolls) e Roberto Brivio (I Gufi), e di altri artisti rappresentativi di stili e sensibilità diverse, da Sergio Cammariere a Petra Magoni, da Massimo Priviero Peppe Voltarelli, Morgan e Giangilberto Monti.

Un’iniziativa editoriale realizzata d’intesa con Club Tenco e Cose di Amilcare

Maledetti Francesi
(Freecom, 2019)

Ispirato all’omonimo successo editoriale del 2018, esce su etichetta Freecom il nuovo album di Giangilberto Monti, accompagnato dalla voce e dal pianoforte di Ottavia Marini. Lo chansonnier e scrittore milanese mette il sonoro al fortunato libro uscito nel 2018 per Miraggi e dedicato alla canzone francese, che per circa un secolo, dal 1880 al 1980, ha intrecciato musica e poesia, teatro, jazz, cinema e politica, tessendo una trama irresistibile e carica di suggestioni da cui gli italiani faticano a staccarsi del tutto; un sottile fil rouge che ci lega indissolubilmente ai cugini d’oltralpe. A offrire la cornice per la presentazione ufficiale del progetto è stato il Premio Tenco, che alla canzone d’autore è votato. Canti ribelli e vite da chansonniers si alterneranno alle più belle canzoni dei maudits per eccellenza: dalle canzoni canaglia di Bruant alle provocazioni poetiche di Gainsbourg, passando per i testi disperati e barricadieri di Leo Ferré, l’ironia di Vian e Brassens, le strofe strappalacrime di Georges Moustaki e Charles Trénet, così come le rock ballad di Renaud, l’ultimo dei maledetti d’oltralpe. Duetti in italiano e francese svelano un repertorio senza tempo e costruiscono una narrazione musicale che diventerà una mostra, “Paris Canaille”, impreziosita dalle immagini curate da Jean-Luc Stote, dal 13 novembre a Milano nei locali dell’Institut Français, che ha accordato il suo patronage all’iniziativa. Le utopie e il ribellismo di sempre si ritrovano nelle parole di questi artisti, in uno show senza rete che mostra e dimostra al pubblico quella contaminazione tra poesia, musica e comicità, da sempre radice inconfondibile del nostro migliore cantautorato.
 
“Il variegato mondo musicale dei più acclamati chansonnniers francofoni non è solo la principale fonte d’ispirazione del nostro cantautorato, ma rappresenta anche la cultura europea più innovativa, che oltralpe ritrova nelle contaminazioni tra poesia, musica e arti sceniche, i suoi principali interpreti. Da molti anni ho messo la mia arte al servizio di questa ricerca, con rispetto e passione.” (Giangilberto Monti)
tracklist
1) Allo Chat Noir (G.G.Monti – O.Marini) da Le Chat Noir di Aristide Bruant
2) Lo straniero (G.Moustaki-B.Lauzi)  Le méteque
3) Que reste-t-il de nos amours? (L.Chauliac – C. Trenet)
4) Il gorilla (G.Brassens-F.De Andrè)  Le gorille
5) Albergo a ore (C.Delécluse-M. Senlis-M.Monnot-H.Pagani) Les amants d’un jour
6) Che snob (B.Vian-J.Walter-G.G.Monti) Je suis snob
7) Giava delle bombe atomiche (B.Vian-A.Goraguer-B.Lauzi- G.G.Monti)
La java des bombes atomiques
8) Venite qua (B.Vian-G.G.Monti-L.Bessières)
da “Canzone del mercante di chiacchiere” (Chanson du marchand d’oublies)
9) Egregio Presidente (B. Vian-H. Berg-G.G.Monti) Le déserteur
10) Il controllore del metrò (S.Gainsbourg-G.G.Monti) Le poinçonneur des Lilas
11) Son venuto a dirti che vado via (S.Gainsbourg-G.G.Monti)
Je suis venu te dire que je m’en vais
12) La storia di Bonnie & Clyde (S.Gainsbourg-G.G.Monti-R.Mogliotti) Bonnie & Clyde
13) Strani tipi (L.Ferré – E.Medail – G.G.Monti) Les poètes
14) Parigi Canaille (L.Ferré – A.Lega – G.G.Monti) Paris Canaille
15) Il venditore di ciottoli (R.Séchan – G.G.Monti) Marchand de cailloux
16) Et maintenant (P.Delanoë-G.Bécaud)
17) Quando e dove andiamo? (R.Séchan- J.Clerc- Leclerc M.- G.G.Monti)
C’est quand qu’on va où?

Powerillusi & Friends
31 anni tra rock e cabaret
(Nota, 2018)

Dal 1987  i torinesi Powerillusi viaggiano tra rock demenziale, cabaret e canzone d’autore umoristica e qui ripercorrono in un doppio CD la loro storia attraverso molte canzoni del loro passato, rilette e riarrangiate “with a little help from their friends”.
“Un’occasione per ripercorrere questi trent’anni riscoprendo qualche vecchia canzone che avevamo messo da parte, dall’altro per rivedere gli amici musicisti e socializzare non solo in studio di registrazione ma anche davanti a una pizza e una birra, a chiacchierare di musica ma non solo. Per il pubblico che ci segue questo disco è la possibilità di ascoltare i brani che conoscono con nuovi vestiti, mentre chi non ci conosce, chissà, potrebbe essere incuriosito e provare ad ascoltare le versioni originali. Tranne poche eccezioni, ogni ospite ha scelto la canzone da eseguire” (Vito Vita e Vince Ricotta)
Allah è al bar (Powerillusi & Giangilberto Monti)
Giangilberto Monti voce, Paolo Rigotto voce, batteria, tastiere e cori, Vito Vita basso e cori, Vince Ricotta chitarra e cori
“Durante la lavorazione del disco, Giangilberto Monti ci ha proposto di iscriverci alle selezioni per il Festival di Sanremo 2018 con un brano inedito: abbiamo quindi scritto questa canzone, con un testo che ci sembra particolarmente attuale in questo periodo e che è un messaggio di fratellanza tra i popoli, al di là delle differenze di cultura e religione. La commissione artistica presieduta da Claudio Baglioni ha scartato il brano” (Powerillusi)
Matrimoni e funerali (Giangilberto Monti)
Giangilberto Monti voce, Alessandra Mostacci tastiere, Guido Baldoni fisarmonica, Marco Carena cori
Matrimoni e funerali è un brano ska tratto da Il ritorno dei Powerillusi, che in questo nuovo album è stato completamente riarrangiato diventando un valzer che sembra uscito fuori dalla Parigi degli anni ’50 di Boris Vian e Mouloudji: e chi poteva quindi eseguirla se non Giangilberto Monti, che ha dedicato molti suoi lavori sia discografici che editoriali alla canzone francese? Lo abbiamo conosciuto tramite Paolo Rigotto, fonico di suoi due album, mentre la pianista Alessandra Mostacci, che qui suona le tastiere, ha spesso collaborato con lo stesso Rigotto e il suo studio, FreakOne” (Powerillusi)

 tracklist CD 1

  1. Uno due tre prova – Dottor Lo Sapio e Giorgio Scapecchi
  2. Non siamo mica musicisti – Gli Avvoltoi
  3. Io mi quoto in borsa – Fanali di Scorta
  4. Per fare un disco – Fabio KoRyu Calabrò
  5. Saremo famosi – Valerio Liboni e i Powerillusi
  6. Il bagno degli altri – Marco Carena
  7. Cavolfiore chanson – Il conciorto
  8. Quella della radio – Tony Borlotti e i suoi Flauers
  9. Quella rap – Mirafiori Kidz
  10. Improvvisamente – Powerillusi
  11. Il loro primo 45 giri – Potage
  12. Quella del papà – Mao
  13. La voglia di non lavorare – Alessio Lega
  14. Quella dei merenderos – Powerillusi
  15. Quella del rock – Truzzi Broders
  16. Sessantanove – Paco D’Alcatraz e i Powerillusi
  17. Ma io ti amavo – Gerry dei Brutos e i Powerillusi

 tracklist CD 2

  1. Non ho più niente (ma sono felice) – Massimo Lajolo
  2. Forma di chiappa – Matteo Castellano
  3. Non bago – Figli di Guttuso
  4. Matrimoni e funerali – Giangilberto Monti
  5. Superpezzo – Skiantos
  6. Qualcuno ci spieghi il jazz – The Essence Quartet
  7. Quella della ciabatta – Cristiana Maffucci e i Powerillusi
  8. La nostra song inglese – Omar Pedrini
  9. DIsco Mixion – Pino D’Angiò e i Powerillusi
  10. Che bello sto male – Johnson Righeira e i Powerillusi
  11. Par condicio blues – Koorina e gli MP3
  12. Allah è al bar – Giangilberto Monti e i Powerillusi
  13. Olio di palma – Powerillusi
  14. Il bambino povero – Coro Vocal ExCess

 crediti
Testi e musiche Vince Ricotta, tranne Quella della radio, Il bambino povero e Par condicio blues (Vito Vita); La nostra song inglese, Improvvisamente e Ma io ti amavo (Vince Ricotta e Vito Vita); Allah è al bar (Vito Vita, Giangilberto Monti, Vince Ricotta e Paolo Rigotto). Produzione artistica, organizzazione e note biografiche Vito Vita. Graphic design e impaginazione, Linda Fierro. Direzione artistica Nota di Udine, Valter Colle

Guardie & Ladri
new edition remastering
(Sony Music, 2018)

A trentacinque anni dalla sua pubblicazione in vinile, Sony Music ripropone in digitale il racconto musicale di Giangilberto Monti, uscito nel novembre 1982: il primo “musical discografico” nella storia del pop-rock italiano. Affidate le musiche a Flavio Premoli – colonna portante della storica PFM – e gli arrangiamenti a Roberto Colombo, produttore di punta di quegli anni e raffinato music maker di molta musica d’autore, il disco realizza una precisa ricerca sonora: elettrorock di alto livello, ospitalità vocali d’eccezione, ritmo da world music, effetti sonori studiati a tavolino e molto lavoro di studio.

L’utopistica favola musicale di Giangilberto Monti, ispirata a una sorta di pacifismo ribelle e ambientata dopo la fine del mondo, nelle gallerie abbandonate della metropolitana, fu registrata a Milano nell’estate del 1982. Al tappeto etnico-percussivo il performer Luis Agudo, agli assoli di sax il tropicalista Hugo Heredia, alle chitarre l’esperto musicista Massimo Luca e a tutto il resto l’accoppiata Colombo-Premoli. Tra le voci ospiti, il rocker Bernardo Lanzetti – già voce solista della PFM – il cantautore Alberto Camerini, la cantante Anna Oxa, il frontman del Banco del Mutuo Soccorso – Francesco Di Giacomo – e l’ideautore Giangilberto Monti, oggi chansonnier e scrittore, qui in veste di narratore e interprete.
La particolarità di questa nuova edizione, totalmente rimasterizzata, è la sua commercializzazione in versione integrale. L’accoppiata tra parlati e canzoni – che allora veniva proposta solo dal vivo – si può finalmente ascoltare nella sua interezza. Il risultato è un vero e proprio racconto musicale, così com’era indicato sulla copertina, che richiamava la fumettistica in voga negli anni Ottanta. Tra gli speaker di allora, da citare i due dee-jay Lisa Mazzotti e Guido Robustelli, mentre la vera chicca di questa versione è la bonus-track “Guardie da Rock”, nella quale l’autore duetta con Alberto Camerini, che grazie alla sua rivisitazione della maschera di Arlecchino, scalava nel periodo le classifiche di vendita. Di “Guardie e Ladri”, vanno poi ricordati almeno altri due brani: “Gino, le parole”, splendida performance vocale di Anna Oxa – a lungo nelle playlist radiofoniche di allora – e il duetto tra lo stesso Monti e Francesco di Giacomo in “Balla bella”, un ritornello pop tra i più eseguiti di quell’opera.

(dal parlato iniziale) “Come in un film. Dopo la fine del mondo, l’umanità vive sottoterra, nei metrò delle grandi città. Unico cibo, i panini. Unico gioco, il flipper elettronico. Unico bar, le stazioni abbandonate della metropolitana. Nelle gallerie, infestate da zanzare, solo i ladri da metrò resistono al governo centrale. E mentre il computer programma la vita dei sopravvissuti, l’unica via di fuga è la “Grande Estrazione” (…) Con Drugstore il paninaro; Gino il Cantante; Rolling e Rock, le guardie da rock; Flipperfix, il mago del tilt. E con i terroristi della luna grigia, i giovani ladri da metrò. La Grande Estrazione! Guardie e Ladri: “Ma che bella questa vita /se c’è vita c’è fortuna /non vogliamo che la terra / si trasformi in una luna”

ideazione e testi Giangilberto Monti
arrangiamenti Roberto Colombo
musiche Flavio Premoli

Le canzoni del signor Dario Fo
(Fort Alamo/Warner Music, 2018)

Esplorare il vasto repertorio musicale che Dario Fo ha firmato in carriera, passando dai brani scritti con Fiorenzo Carpi per il teatro alle ballate ironiche composte con Enzo Jannacci per il cabaret, senza trascurare il repertorio melodico degli esordi televisivi o quello più barricadero negli anni della Palazzina Liberty, accompagnato dalla chitarra di Paolo Ciarchi, è l’omaggio che lo chansonnier Giangilberto Monti offre a uno dei suoi maestri d’arte scenica. Il repertorio musicale di Fo – Premio Nobel per la letteratura nel 1997 – è stato finora praticato dal suo autore in teatro e su disco da Enzo Jannacci, coautore di una ventina di brani poetici, buffoneschi e stralunati, spesso diventati popolari. Ma riprendere quel mondo musicale significa anche ripercorrere una parte importante della storia del nostro paese, di cui Fo è stato spesso portavoce.
tracklist
1)    Stringimi forte i polsi (Fo-Chiosso-Carpi-Cichellero)
2)    Non fare tilt (Fo-Carpi)
3)    La forza dell’amore (Jannacci-Fo-Jannacci)
4)    La luna è una lampadina (Fo-Carpi)
5)    Hanno ammazzato il Mario (Fo-Carpi)
6)    La stampa (Fo-Ciarchi)
7)    Ho visto un re (Fo)
8)    Vengo anch’io, no tu no (Fo-Jannacci-Fiorentini-Jannacci)
9)    Veronica (Ciotti-Fo-Jannacci)
10) Prete Liprando e il giudizio di Dio (Fo-Jannacci)
11) L’Armando (Jannacci-Fo-Jannacci)
12) T’ho compràa i calzett de seda (Fo-Jannacci)
13) Il giovane di Tunisi (Fo-Carpi)
14) La mia morosa la va alla fonte (Fo-Jannacci)
15) Ma che aspettate a batterci le mani (Fo-Carpi)

crediti
Giangilberto Monti – ideazione artistica e voce
Paolo Tomelleri – clarinettista
Tony Arco – batteria
Fabrizio Bernasconi – tastiere
Celeste Castelnuovo – cori
Sergio Farina – chitarra
Marco Mistrangelo – contrabbasso
Massimo Faggioni – studio & live sound engineer
(2017, Fonologie Monzesi Recording studio)

opinionidaclownOPINIONI DA CLOWN
(Egea Music/ed. Warner Chappell, 2015)

Trent’anni di attività di Giangilberto Monti, tra cantautorato e comicità: un filo sottile che unisce poesia e ironia e che da sempre identifica quel mondo del teatro-cabaret milanese che da Dario Fo in poi ha fatto la fortuna di molti artisti. “Opinioni da clown” nasce come una riflessione tra Comico & Politico e contiene 13 brani, alcuni scritti per l’occasione e altri composti in passato e mai pubblicati.
Arrangiato dal pianista Bati Bertolio, registrato dal torinese Paolo Rigotto e dal milanese Massimo Faggioni, e poi masterizzato nella factory musicale “Fonologie Monzesi”, nel disco si annoverano importanti collaborazioni: il violinista e arrangiatore Mauro Pagani, il pianista e compositore Sergio Conforti (il Rocco Tanica di Elio & Le Storie Tese) e il bluesman piacentino Ubi Molinari, oltre alle voci di comici noti, da Nino Formicola (Gaspare) a Raul Cremona e Giovanni Storti, del trio Aldo, Giovanni & Giacomo.

Tracklist
1) Arriva il circo (Monti)
2) Sono il comico (Monti-Molinari)
3) La schedina (Monti-Molinari)
4) Terra! (Monti)
5) Que viva l’Italia (Monti-Molinari)
6) Cancion putana (Monti)
7) Tra il dire e il fare (Monti-Molinari)
8) Laurel & Hardy (Monti-Conforti)
9) Americani al largo (Monti-Pagani)
10) Sul confine (Monti-Molinari)
11) Ora vado (Monti)
12) Sei capace? (Monti-Molinari)
13) Alla fine della festa (Fo-Carpi)

“Sei Capace?”
Primo singolo estratto dall’album, è un brano scritto e realizzato con la collaborazione di Nino Formicola, che nel testo, come nella musica, è un dichiarato omaggio alle atmosfere spiazzanti del primo Jannacci.

“Alla fine della festa”
E’ l’unico brano dell’album non firmato da G.G.Monti ed è tratto da L’opera dello sghignazzo (1981) scritta dallo stesso Fo come libera riduzione dell’Opera da tre soldi di Brecht-Weill. In quel periodo G.G.Monti lavorava in compagnia con Fo e gli chiese di usare in forma di canzone il duetto finale del primo atto, allora interpretato da Nada Malanima e Maurizio Micheli. In accordo con il suo compositore Fiorenzo Carpi, che gli rilasciò uno spartito autografo, Monti decise di ribattezzarlo “Alla fine della festa”. Rimasta nel cassetto più di trent’anni, è un omaggio affettuoso al maestro di tanti attori e cantanti, tra i quali lo stesso Monti, che da saltimbanco qualunque, all’inizio degli anni Ottanta si era offerto come attore per la compagnia Fo-Rame.

Giangilberto Monti
interpreta Renaud
(CD Egea 2017, INC 232)

Giangilberto Monti (voce e adattamenti in italiano)
Umberto Cariota (basso)
Andrea Cavallo (tastiere)
Paolo Rigotto (batteria, presa di suono e mix)
Roberto Zorzi (chitarre)

1. Innamorato di Parigi (Amoureux de Paname, 1975)
2. Gli avvoltoi (Les charognards, 1977)
3. Jojo Fanfaroni (Jojo le démago, 1977)
4. Canzone per Pierrot (Chanson pour Pierrot 1979)
5. Il mio condominio (Dans mon H.L.M., 1980)
6. Quartiere popolare (Banlieue rouge, 1981)
7. Seconda generazione (Deuxième génération, 1983)
8. Socialista (Socialiste, 1988)
9. Camion dannato (Putain de camion, 1988)
10. Il venditore di ciottoli (Marchand de cailloux, 1991)
11. La medaglia (La médaille, 1994)
12. Quando e dove andiamo? (C’est quand qu’on va ou?, 1994)
13. Votatemi (2016) *

testi originali e musiche di Renaud Séchan
tranne Putain de camion (R.Séchan-F.Langolff)
e C’est quand qu’on va ou? (R.Séchan-J.Clerc)

*di Giangilberto Monti e Daniele Biacchessi
(tratto dal programma elettorale del comico Coluche, 1980)

19Anna Oxa

Per sognare, per cantare, per ballare
(1983) 33 giri
CBS 25428

produzione artistica
Mario Lavezzi

1. Hi-Fi
2. Navigando
3. È possibile
4. Uragano e nuvole
5. Senza di me
6. Viola
7. A gentile richiesta (G.G.Monti-F.Premoli)
8. Piccola stella
9. Va bailando

18Flavio Premoli
album 33 giri
CBS 25662 (1983)

testi e musiche Flavio Premoli

collaborazione ai testi Giangilberto Monti
produzione artistica Geoff Westley

1. La collina
2. Varese
3. Ma che sole sarà
4. Il marinaio
5. Acqua di mare
6. Angelillo *
7. Donna fumetto
8. Bianco & Azzurro
9. Cose di piazza

* dedicata al calciatore argentino Antonio Valentin Angelillo

 

 17Fiordaliso
album 33 giri
Durium AI 77435 (1983)

produzione artistica
Luigi Albertelli
Vince Tempera

1. Un ago nel pagliaio
2. Fare l’amore
3. Ananas
4. Il miele e il vento (G.G.Monti-F.Premoli)
5. Siamo ancora a galla
6. Un tipo
7. Fare disfare
8. Don’t play no more
9. Credo in me
10. Terzinato