Ed. Garzanti 2012
Da sempre gli esseri umani amano bere e divertirsi. E dunque amano il cabaret perché si ride e si beve, non necessariamente in quest’ordine. Ma qual è la vera natura del cabaret, un’etichetta che a volte viene usata a sproposito? È un tipo di locale o un genere di spettacolo? È solo un sottoprodotto del comico oppure ha maggiori ambizioni? E quali sono le sue caratteristiche, che lo distinguono da altre forme di spettacolo? La vera storia del cabaret ripercorre le tappe di questo genere, alla ricerca del segreto di un fenomeno che attraversa con successo epoche e paesi, sempre diverso ma sempre fedele a sé stesso. Gli inizi sono ovviamente un po’ vaghi: nessuno si è segnato sul calendario il giorno esatto della scoperta del vino o della birra, visto che erano tutti troppo ubriachi per pensarci. Dopo le tabernae vinariae romane e le hostarie medievali, le botteghe del caffè veneziane e i pleasure gardens londinesi, il secondo punto di partenza è invece noto e squisitamente parigino: è lo Chat Noir, il papà di tutti i cabaret. Da lì la formula investe l’intera Europa, Italia compresa. Perché l’Italia è un caso particolare. Da noi il cabaret ha ascendenze illustri, dalla scapigliatura ai futuristi. Ci sono concorrenti che hanno creato qualche confusione, dall’avanspettacolo al varietà, fino a certe degenerazioni della comicità televisiva. E poi ha diverse declinazioni geografiche, da Napoli a Genova, da Milano a Roma, le varie capitali del cabaret all’italiana.
Giangilberto Monti e Flavio Oreglio da sempre riflettono sul loro lavoro, studiandone i meccanismi e l’evoluzione. In una ricchissima cavalcata, ci fanno incontrare personaggi che dalla storia sono entrati nel mito e rievocano aneddoti che sono passati dalla cronaca alla leggenda.

8 novembre 2012
Feltrinelli – Milano
ospiti Enrico Intra, Nanni Svampa, Roberto Brivio, Giancarlo Bozzo, Enzo Iacchetti, Ricky Gianco, Giorgio Melazzi e Alberto Patrucco

12 novembre 2012
Feltrinelli – Roma
ospite Lino Patruno

24 novembre 2012
Circolo Arci Login – Genova
ospite Paolo Poli

1 dicembre 2012
Libreria IBS.IT – Ferrara

11 dicembre 2012
Circolo dei Lettori – Torino
ospite Bruno Gambarotta

banda-bonnotEd.   Vololibero, 2013

Romanzo illegalista.

Siamo in Francia, c’è la democrazia, la guerra in Europa non c’è, o meglio, c’è dappertutto, ma non qui. E’ la Belle Epoque! Vai a prendere il caffè sulla Senna, vai a ballare al Moulin Rouge e lì ci trovi gli artisti, i ministri, bellissime donne… basta avere i soldi. E se vuoi farti quattro risate? Vai al cabaret, dove i comici prendono in giro l’imperatore. Ma se non hai soldi, se cerchi lavoro? Se sei disperato perchè non lo trovi, cosa fai? Questa storia a Parigi la conoscono tutti, è quasi una leggenda però è tutto vero… questa è la storia di Jules Bonnot: operaio, anarchico e poi bandito. Un fuorilegge.

leggi la prefazione di Oliviero Ponte Di Pino

Presentazione
Con questo “romanzo storico” Giangilberto Monti passa dalla saggistica comico-musicale alla narrativa e grazie a un’attenta ricerca sui giornali dell’epoca affronta una vicenda umana e politica che da sempre lo affascina: l’epopea di Jules Bonnot – “operaio, anarchico e poi bandito” – e della sua banda di anarchici illegalisti, che seminarono il terrore nella Parigi della Belle Époque e fecero discutere poeti, uomini di Stato, rivoluzionari, giornalisti e gente comune. La loro anima romantica, la commistione tra utopia libertaria e delinquenza comune e la modernità con cui agivano negli assalti alle banche – le loro rapine in auto e la bravura di Bonnot alla guida, divenne leggendaria – trasformò una banda di ragazzi di vent’anni in eroi tragici, e il suo leader in una star dei quotidiani francesi. Grazie a loro la polizia inventò nuove tecniche investigative, come la rilevazione delle impronte digitali, si armò ancora meglio e conquistò la strada con mezzi più potenti, ma i “ragazzi di Bonnot” avevano dalla loro un’idealità che li distanziava dalla malavita parigina degli apaches, guadagnandosi le simpatie degli antagonisti e l’odio dello Stato francese, che non esitò a ucciderli in assedi tragicomici o a ghigliottinarli senza pietà. A differenza di altri libri sull’argomento, tra Italia e Francia, questo di Monti affronta l’intera epopea della banda, dalla nascita del suo fondatore al processo che un secolo fa vide l’idea stessa di anarchia alla sbarra, in una Parigi a un passo dalla Grande Guerra, ridotta allo stremo dagli scandali politici e dalla crisi economica della “Brutta Époque”, nella quale il diserzionismo anarchico preoccupava governanti e patrioti. “L’Amore che fa Boum!” é un libro che racconta una storia vera, spesso con le parole dei suoi protagonisti, senza compiacenze di sorta e con un distacco storico non privo d’ironia, una cifra artistica tipica del suo Autore. D’altronde G.G. Monti ben conosce la storia del cabaret e le sue radici nella canzone d’oltralpe. E proprio uno dei suoi protagonisti più geniali, Boris Vian – autore nel 1954 di una commedia musicale sulla Banda Bonnot – scandisce idealmente i passaggi temporali di questa storia.